قالب وردپرس درنا توس
Home / Scienza e tecnologia / Apollo 11 missione spaziale, la burla del fallito atterraggio che supporta negazioni

Apollo 11 missione spaziale, la burla del fallito atterraggio che supporta negazioni



La missione spaziale Apollo 11 portò per la prima volta l'uomo sulla luna il 20 luglio 1969 e questa è ora una prova scientifica che non lascia spazio a dubbi. Tuttavia, varie teorie cospirative sono ancora in piedi oggi, secondo le quali non siamo mai stati sulla superficie lunare e le immagini viste dal vivo da milioni di spettatori sono state realizzate dal regista Stanley Kubrick per ingannare le persone.

La teoria della cospirazione

Ci sono fondamentalmente due fattori che alimentano gli scettici. Il primo mette in discussione l'importanza politica dello sbarco: la missione della NASA ha avuto luogo nel contesto della Guerra Fredda e durante una corsa per conquistare lo spazio che si opponeva agli Stati Uniti e all'Unione Sovietica. I teorici della cospirazione dicono che in quel momento storico era troppo pericoloso mostrare immagini vere, con il rischio che qualcosa potesse andare storto, dando così una cattiva impressione alla presunta superiorità del programma spaziale americano.

C'è anche un secondo elemento che alimenta la trama: molti storici ritengono che il caso Watergate evidenzi la reale possibilità che il governo agisca illegalmente, segretamente dai suoi cittadini e dai loro rappresentanti democraticamente eletti. Il presidente Richard Nixon dovette dimettersi perché era ovviamente coinvolto nello scandalo: il fatto che fosse al comando al momento dello sbarco nutriva il sospetto che anche in quel caso ci fossero stati giochi sporchi.

Le riprese di Stanley Kubrick

Ciò che i teorici della cospirazione sostengono è che le immagini viste in televisione da milioni di spettatori sono state effettivamente realizzate in uno studio cinematografico, usando i migliori effetti visivi del tempo e sotto la direzione di cineasta Stanley Kubrick che con il film 2001

: A Space Odyssey & # 39; aveva dimostrato la padronanza assoluta degli effetti speciali.

Si dice che Kubrick sia stato costretto a girare filmati falsi per impedire che venisse reso pubblico appartenente al partito comunista di suo fratello (all'epoca era una domanda molto seria, negli Stati Uniti, essere identificati come comunisti ). Ma Kubrick non aveva un fratello, aveva una sorella. Inoltre, la figlia del regista, Vivian, ha definito la teoria della cospirazione "una bugia grottesca" perché nega il rispetto che suo padre aveva per le persone.

The denials

La comunità scientifica non ha dubbi sulla veridicità dello sbarco e supporta questa posizione in base alle dozzine di artefatti lunari raccolti, sulle comunicazioni (registrate) tra astronauti e basi terrestri, su fotografie e video presi, al successivo avvistamento di resti di moduli lunari realizzati da sonde anche non statunitensi (come indiana e giapponese). Di fronte a una quantità così grande di dati, la trama dovrebbe essere così grande e dovrebbe coinvolgere così tante persone che è anacronistica.

Vale anche la pena di riportare le parole che Umberto Eco ha scritto nel 2009 sull'Espresso: "Il test scientificamente ineccepibile è solo uno: gli unici che potrebbero verificare se l'atterraggio fosse avvenuto (perché avevano già inviato telecamere lassù e avevano altre sofisticate possibilità di monitoraggio), e gli unici che avevano tutto l'interesse a mettere fuori gli americani, erano i russi "Se i russi erano silenziosi significava che lo sbarco sulla Luna era vero. Fine del dibattito. "

Leggi anche:
– Piano della NASA: l'uomo su Marte in 20 anni
– NASA, l'uomo torna sulla luna entro il 2024. Trump stanzia $ 1,6 miliardi
– L'elicottero della NASA che volerà su Marte pronto


Source link