قالب وردپرس درنا توس
Home / Esteri / Faida San Luca, il capo della Ndrangheta Pelle in fuga: doveva scontare la sua pena

Faida San Luca, il capo della Ndrangheta Pelle in fuga: doveva scontare la sua pena



  Faida San Luca, il capo della Ndrangheta Leather in fuga: doveva scontare la sua pena


I circoli investigativi confermano la scomparsa del & # 39; ndrangheta boss Francesco Pelle noto come "Ciccio Pakistan" . Il capo era irrintracciabile dopo la conferma della sentenza nella Cassazione come istigatrice della strage natalizia del 24 dicembre 2006: in quell'occasione, che all'interno del feudo di San Luca determinò poi il massacro di Ferragosto a Duisburg con 6 morti, la moglie del capo avversario Giovanni Luca Nirta fu ucciso.

Pelle, che è in una sedia a rotelle dopo essere stato ferito in un'imboscata il 31

luglio 2006 ad Africo, è stato sottoposto all'obbligo di rimanere a Milano . Dopo il rifiuto del suo appello – come hanno confermato gli inquirenti – non era disponibile prima di finire in prigione. La rimozione risale a circa quindici giorni fa.

Pelle era stata arrestata dai carabinieri nel settembre 2008 in una clinica di Pavia dopo circa un anno di latitanza. Nell'agguato del Natale 2006 la vittima predestinata era Gianluca Nirta, ma sotto i colpi degli assassini sua moglie morì e altre quattro persone, tra cui un bambino, rimasero ferite. Fu quell'incidente, secondo l'accusa, che scatenò la reazione di Giovanni Strangio, cugino di Maria, condannato all'ergastolo perché era considerato il creatore e uno degli esecutori del massacro di Duisburg.


Source link