قالب وردپرس درنا توس
Home / Scienza e tecnologia / Il villaggio che SpaceX vuole comprare per arrivare su Marte

Il villaggio che SpaceX vuole comprare per arrivare su Marte



Prima di realizzare il suo ambizioso piano di colonizzazione di Marte, la società spaziale statunitense SpaceX di Elon Musk deve affrontare un problema molto terrestre. La società sta infatti cercando di acquistare e quindi ripulire una piccola città nel sud del Texas, dove ha avviato i primi test per la costruzione della nave spaziale, l'astronave grande e potente con cui prevede di raggiungere il suolo marziano un giorno. I test sui motori e sul resto dell'attrezzatura si stanno rivelando più turbolenti del previsto, al punto da compromettere la sicurezza dell'area. SpaceX vorrebbe diventare disabitato, sebbene non tutti i residenti siano d'accordo.

Boca Chica si trova nella contea di Cameron, lo stato più meridionale del Texas: guardando una mappa, è la punta che confina con il Messico. Il villaggio (tecnicamente un "borgo", cioè un villaggio) ha poco meno di 30 abitanti, distribuiti in una manciata di case a pochi chilometri dalla spiaggia e dalle acque del Golfo del Messico.

Dal 201

4 nell'area è diventata la presenza di SpaceX, che ha ottenuto l'autorizzazione dall'amministrazione locale per costruire una base di lancio per i suoi test e in futuro, alla fine, un vero spazioporto, è sempre più coerente. L'area di lancio è a pochi chilometri da Boca Chica, verso la spiaggia, mentre vicino all'abitato l'azienda ha costruito hangar e uffici.

L'area è strategica per i piani SpaceX, che stanno testando la costruzione e il primo lancio di astronavi nell'area. Alla fine di agosto, ha condotto con successo un test del prototipo Starhopper, che ha raggiunto un'altezza di circa 150 metri.

I test, che prevedono l'uso di missili ancora da completare, non sono privi di rischi e hanno recentemente portato a un incendio folto vicino a Boca Chica. Le cose potrebbero andare peggio in futuro, quando i missili testati saranno più potenti e la presenza della piccola area abitata sarebbe una complicazione per ottenere le autorizzazioni necessarie dalle autorità per la sicurezza del volo. Da qui la decisione di acquistare l'intero Boca Chica.

La scorsa settimana SpaceX ha inviato ai residenti una proposta per l'acquisto della loro casa. La lettera spiega che le pratiche saranno gestite da JLL, una società immobiliare indipendente che si occuperà della valutazione delle case. A ciascun proprietario verrà offerto un valore tre volte superiore al valore stimato delle valutazioni e i costi per la parte burocratica saranno interamente a carico di SpaceX.

La lettera specifica che la proposta non è negoziabile, probabilmente nella speranza che la maggior parte dei residenti decida di chiudere immediatamente l'affare, senza chiedere più denaro. L'offerta include anche un bonus, che piacerebbe a molti appassionati di esplorazione dello spazio, ma difficilmente i più vecchi abitanti di Boca Chica:

SpaceX si rende conto che la vicinanza alle sue attività ha offerto un'opportunità unica di vivere da vicino lo sviluppo di quello che sarà il il razzo più avanzato mai costruito. Come segno di apprezzamento per il vostro supporto, offriremo a tutti i residenti che accetteranno l'offerta di mantenere questo legame con lo sviluppo di Starship, invitandoli a partecipare a futuri lanci privati ​​non aperti al pubblico.

Business Insider ha intervistato gli abitanti di Boca Chica e ha scoperto che i proprietari di una dozzina di proprietà non sono disposti ad accettare l'offerta, per ragioni che possono essere ricondotte alla sua entità economica. Molti credono che tre volte il prezzo della casa non sia un trattamento equo, dato che molti sono abitanti della zona per decine di anni e non immaginavano di dover spostare. L'area è anche vicino a una spiaggia e questo secondo i proprietari dovrebbe essere considerato nella valutazione del valore delle case.

L'offerta, dice sempre la lettera inviata da SpaceX, è valida per un paio di settimane, quindi gli abitanti avranno fino al 26 settembre per decidere cosa fare. La proposta non contiene molte informazioni su cosa potrebbe accadere in caso di mancato accordo: di solito in casi come questi, in cui vi sono permessi e concessioni nel mezzo, vengono avviate controversie legali che possono portare a espropri.


Source link