Home / Scienza e tecnologia / Iliad concerti illimitati (quasi). La tariffa sostituisce Internet a casa?

Iliad concerti illimitati (quasi). La tariffa sostituisce Internet a casa?



Iliade quasi piatto

Nuovo aggiornamento qui su 4Fan.it ovviamente legato al mondo Iliad, felicemente in fermento in questi giorni a seguito del lancio della nuova tariffa Iliad 100 Giga. Come tanti l’hanno definita, un quasi piatto. Per chi ha perso la puntata precedente si tratta di un’offerta a tempo, che scadrà precisamente alle ore 15 del 15 ottobre. A meno che Iliad non decida ultimo minuto per estendere l’offerta. Come accennato, quindi, si tratta di un piano cosiddetto “flash”, valido per un brevissimo periodo di tempo e che ha già dato una bella scossa al mercato in queste prime ore di commercializzazione.

Sei un cliente e un fan di Iliad? Seguici subito sul canale Telegram!

I nostri followers hanno commentato molto la notizia e, nella calma del weekend qui su 4Fan.it vogliamo fare il punto sulla strategia adottata da Iliad con questa nuovissima proposta. È stata una buona mossa sì o no? Come sempre, diciamo la nostra, ci vediamo qui sotto nello spazio dei commenti per discuterne con voi.

Banner Iliade

Banner UpGo.club Iliad

Prima di tutto, però, se sei interessato ai nostri contenuti e non vuoi perdere i nostri post, come detto sopra c’è il nostro Canale Telegram. Ma oggi vogliamo anche ricordarvi l’esistenza della nostra app. Il club dei nostri lettori più fedeli. Si chiama UpGo.club e ti permette di consultare i nostri siti più comodamente e di ricevere notifiche push sui post più importanti appena usciti.

Questo è il link per scaricare gratuitamente l’applicazione dal Google Play Store e sotto puoi trovare il nuovo video di presentazione di UpGo.club.


Iliad 100 giga è un quasi piatto

È il primo punto essenziale per comprendere la strategia Iliad con il lancio di questa nuova offerta. In effetti è uno quasi piatto. 100 gigabyte superano sicuramente la soglia di traffico effettivamente gestibile da un cellulare e consentono a Iliad di ammiccare ad una tipologia di utenza più ampia, rispondendo anche a nuove esigenze create con il Pandemia di covid-19.

Tethering e hotspot generoso per gestire principalmente computer collegati in videoconferenza per esigenze aziendali. Spesso la connessione domestica non c’è o non è altrettanto efficiente. Iliad ha così provato a conquistare questo nuovo utente che vuole prepararsi ad un inverno non certo facile in cui molti continueranno a lavorare da casa, da remoto, richiedendo connessioni potenti e stabili. Senza preoccuparsi delle maschere che si esauriscono.

Probabilmente molti acquisti di questa nuova offerta non sono portabilità ma sim secondarie tenute lì come un salvadanaio di jig. Torna il trend verso la doppia sim, con l’emergenza Coronavirus, e lo abbiamo già visto.

Tuttavia, ci sono quelli che sono delusi

Ci sono alcuni aspetti negativi in ​​questo nuovo lancio che interrompe mesi di silenzio commerciale. Iliad ha messo sul mercato delle spezie a fine estate e questo è sicuramente ottimo. Tuttavia, molti clienti Iliad esistenti lamentano ancora l’impossibilità per i clienti esistenti di passare da un piano all’altro. Il cambio tariffario resta un miraggio e le difficoltà che attualmente impediscono a Iliad di un’attuazione apparentemente semplice sono piuttosto misteriose.

Ovviamente, come abbiamo già scritto, molti si stanno organizzando triangolazioni, passando temporaneamente ad un altro operatore e poi tornando a Iliad con la nuova offerta Iliad 100 Giga.

La prossima mossa è la fibra

È possibile che la prossima grande novità sarà un’offerta di fibra. Manca poco al lancio di Iliad Italia anche nella telefonia fissa perché i vertici hanno chiaramente indicato i primi giorni di gennaio 2021 come data di lancio. Quindi è davvero questione di poche settimane (un altro buon motivo per rimanere informati scaricando subito la nostra app 😉).

Nelle scorse ore Benedetto Levi, amministratore delegato di Iliad, è tornato sulla questione fibra commentando una notizia che riguarda Iliad solo in seguito, quella della fusione tra Open Fiber e la rete TIM. Per Levi resta fondamentale che l’ente wholesale, ovvero quello coinvolto nella realizzazione della rete e nella rivendita all’ingrosso della banda larga agli operatori, rimanga totalmente indipendente da TIM. L’Italia non può davvero permettersi un passo indietro così grande.

Come promesso all’inizio, la parola ora va a te e ai tuoi commenti. Facci sapere cosa ne pensi nello spazio commenti qui sotto.


Source link