Home / Esteri / Non posso fare pipì nel vasino, il patrigno uccide la bambina di 2 anni picchiandola 60 volte

Non posso fare pipì nel vasino, il patrigno uccide la bambina di 2 anni picchiandola 60 volte



Picchiato selvaggiamente e cpicchiata 60 volte dal suo patrigno fino a ucciderla solo perché a due anni non poteva fare il cesso nel vasino. È l’orribile violenza di cui è stata vittima la piccola Knesnia Dubrovina, una ragazza russa trovata morta nel giugno dello scorso anno a Togliatti, nella Russia occidentale. Come hanno ricostruito le indagini della polizia locale, Anton Proskurin, il nuovo compagno di sua madre, la 25enne Zinaida Proskurina, che, secondo l̵

7;accusa, sapeva degli abusi sulla bambina ma non ha fatto nulla per fermarli. Secondo gli inquirenti, infatti, la bambina è stata picchiata per mesi prima dell’episodio che l’ha portata alla morte.

L’autopsia del medico legale ha stabilito che Ksenia è stata colpita almeno venti volte alla testa e circa quaranta volte in tutto il corpo, il che le ha causato un’emorragia che si è rivelata fatale. Quando l’aiuto è arrivato a casa della famiglia, la testa della ragazza “si è gonfiata in modo orribile e sembrava un palloncino”, come hanno detto gli investigatori. La madre ha chiamato l’ambulanza ma solo 24 ore dopo i fatti terribili quando il bambino aveva già smesso di respirare. Per l’accusa la donna probabilmente voleva nascondere l’ennesima violenza perpetrata dal suo compagno perché era a conoscenza degli abusi, avvenuti da diversi mesi, ma non ha fatto nulla per proteggere la figlia. Secondo gli investigatori, per nascondere i lividi sul bambino, la madre ha usato anche il trucco per mascherare i lividi di Ksenia, la donna è attualmente indagata per non aver adempiuto ai suoi doveri di genitore.




Source link